Questo sito contribuisce alla audience di

Canzano

comune in provincia di Teramo (16 km), 448 m s.m., 16,90 km², 1809 ab. (canzanesi), patrono: san Biagio (3 febbraio).

Centro situato sul versante sinistro della valle del fiume Vomano. Forse di origine romana, il borgo fu retto nel Medioevo da signori locali e nel sec. XVII fu concesso in feudo agli Acquaviva. § L'abitato conserva in parte le antiche mura e un torrione merlato. La parrocchiale (sec. XVIII) è affiancata da un elegante campanile barocco in cotto. La chiesa di San Salvatore (sec. XII-XIII, restaurata), presso il cimitero, ha un semplice portale romanico, una robusta torre campanaria e conserva affreschi dei sec. XIV-XV. Sulla collina di San Pietro sorge la piccola chiesa ricordata nel sec. XII col nome di Sancti Petri ad Palustrium. § L'economia, di tipo agricolo (cereali, foraggi, olive e uva), conta su discrete attività industriali nei settori edile e dei materiali da costruzione. Si pratica l'allevamento bovino e ovino.