Questo sito contribuisce alla audience di

Carèna

(latino scientifico Carina, abbreviazione Car). Costellazione australe, anticamente parte della costellazione Argo. È compresa fra 6h e 11h30´ di ascensione retta e fra –50º e –75º di declinazione, e non è quindi visibile dalle nostre latitudini. La sua stella principale, Canopo, è una delle più brillanti. Al confine con la costellazione della Vela si trova la Falsa Croce del Sud, delineata dalle stelle χ (di magnitudine 2m,5) e δ (2m) della Vela, e dalle giganti ε (1m,7) e ι (2m,1) della Carena. Sono inoltre da ricordare: χ Car, stella blu di magnitudine 3m,4; Q Car, una gigante color arancio di magnitudine 3m,4, circondata da un involucro gassoso; S Car, variabile rossa del tipo Mira, fluttuante in 150 giorni tra le magnitudini 4m,5 e 10m. Assai peculiare è η Car, a causa della sua luminosità variabile irregolarmente. Questa stella ha manifestato più volte violenti parossismi (nel 1843 risplendette più di Canopo); attualmente la sua magnitudine si mantiene fra 6m e 7m. La natura di η Car è oggetto di controversie, poiché essa è classificabile sia come nova ricorrente che come variabile nebulare. La costellazione annovera altre variabili, fra le quali R Car, che ha tipo spettrale M5 e periodo di 309 giorni, e la cefeide I Car, il cui periodo è di 35,5 giorni. Nella Carena si trovano gli ammassi stellari aperti NGC 3114, posto a 9000 anni luce dalla Terra, NGC 2516, distante 1300 anni luce, e IC 2602 (le Pleiadi Australi), situato a 700 anni luce, nel quale spicca ϑ Car, stella blu di magnitudine 2m,7.