Questo sito contribuisce alla audience di

Carlo I (imperatore d'Austria e re d'Ungheria)

imperatore d'Austria e re d'Ungheria (Persenbeug 1887-Funchal, Madera, 1922). Figlio di Ottone di Asburgo-Lorena, succedette a Francesco Giuseppe nel novembre 1916, invano adoperandosi per arginare la crisi istituzionale e militare dello Stato. Tra il 1916 e il 1918 tentò la via delle riforme in senso federalistico per garantire l'unità tra le nazionalità, fino alla proclamazione (ottobre 1918) dell'Impero federale. Vani furono i sondaggi per una pace separata (1917) e invise alla Germania le sue proposte di concessioni agli Alleati, perché garantissero agli Imperi Centrali libertà d'azione nei Balcani. La sua fuga di fronte alla rivoluzione scoppiata in Austria (novembre 1918) fu seguita dal decreto di espulsione degli Asburgo (aprile 1919). Carlo I allora tentò di riacquistare l'Ungheria, approfittando del movimento reazionario che aveva schiacciato la Repubblica comunista di Bela Kun, ma venne bloccato dai Paesi vincitori e dalla Piccola Intesa(1921). Nel 2004 è stato beatificato da Giovanni Paolo II.