Questo sito contribuisce alla audience di

Carlsson, Ingvar

uomo politico svedese (Borås 1934). Di origine operaia, ha frequentato la facoltà di scienze politiche all'Università di Lund e ha aderito giovanissimo al Partito socialdemocratico. Nel 1958 è stato chiamato da Tage Erlander, l'allora primo ministro, a far parte della sua segreteria, dove ha collaborato con Olof Palme. Nel 1960 il partito lo ha inviato negli Stati Uniti a perfezionare i suoi studi. Tornato in patria, è stato eletto presidente della Gioventù studentesca socialdemocratica. Nel 1966 è stato per la prima volta deputato e nel 1969 ha avuto il primo incarico ministeriale. Durante i sei anni dell'opposizione socialdemocratica (1976-82) gli è stato affidato il compito di elaborare le strategie della socialdemocrazia per gli anni Ottanta. Il frutto di tale riflessione è stato pubblicato nel 1981 con il titolo Il futuro nelle mani del popolo.Quando i socialdemocratici sono tornati al governo, il premier Palme ha fatto di Carlsson il suo vice primo ministro, carica in virtù della quale è subentrato alla guida del governo quando Palme è caduto vittima di un attentato, nel 1986. Alla testa di un gabinetto di minoranza Carlsson, ha saputo assicurare la continuità governativa, stabilendo rapporti di collaborazione con gli altri partiti. Confermato capo del governo dalle elezioni legislative del 1988, è stato indotto a rassegnare le proprie dimissioni, unitamente a quelle del suo gabinetto dalla pesante sconfitta subita dai socialdemocratici alle successive elezioni del settembre 1991. Dopo aver riportato il partito socialdemocratico alla vittoria nelle elezioni del 1994, si è ritirato a vita privata nel marzo 1996. Alla guida del partito e del governo gli è subentrato Goeran Persson.