Questo sito contribuisce alla audience di

Carrera, Rafael

uomo politico guatemalteco (Guatemala 1814-1865). Figlio di un indio e di una negra, privo di istruzione, nel 1837, durante la rivoluzione contro la Federazione delle Province Unite del Centroamerica nata nel 1823, si segnalò come caudillo, capace di mobilitare gli Indios. Fu perciò strumentalizzato dall'oligarchia creola, che lo impiegò per combattere l'assetto federativo voluto dai liberali. Al governo del Guatemala dal 1839, attaccò e costrinse alla fuga (1840) il generale Morazán, leader delle forze federali. Nominato presidente (1844), nel 1847 proclamò il Guatemala Repubblica indipendente, separandola dalla Federazione delle Province Unite del Centroamerica. Nel 1854, modificata la Costituzione, si proclamò presidente a vita.

Collegamenti