Questo sito contribuisce alla audience di

Cartagena (Spagna)

città nella comunità autonoma della Murcia (Spagna), 70 m s.m., 203.945 ab. (stima 2005).

Località della Spagna, affacciata a una profonda insenatura del mar Mediterraneo. Nel sec. XVIII si estese lungo il mare e si arricchì di vie larghe e di giardini: solo nel centro è rimasto l'antico tracciato compatto e labirintico. Principale porto militare del Paese e importante porto commerciale, con un traffico annuo di 11,6 milioni di t di merci (importazione di carbone e di petrolio grezzo per la vicina raffineria di Escombreras, ed esportazione di prodotti agricoli e minerali del retroterra e di prodotti petroliferi), è inoltre sede di numerose industrie che, sviluppatesi soprattutto dopo la costruzione (1945) del canale di Taibilla, che ha risolto il problema dell'approvvigionamento idrico, sono attive nei settori cantieristico, metallurgico, chimico, meccanico, del vetro, alimentare e delle costruzioni. § Fondata da Asdrubalealla fine del sec. III a. C., sul luogo in cui esisteva un antico centro iberico (Mastia), ebbe lo stesso nome di Cartagine, sua madrepatria, per distinguerla dalla quale Greci e Romani la chiamarono “Cartagine nuova”. Durante la seconda guerra punica, nel 209 a. C., fu conquistata da Scipione. I Romani le preferirono, come porto, Tarragona, ma le miniere (già descritte da Polibio) e la pesca continuarono a garantirle prosperità economica. Piazzaforte di uno Stato indipendente dopo l'invasione araba, venne conquistata prima da Ferdinando di Castiglia (1242) e poi, definitivamente, da Giacomo I d'Aragona (1266). Nonostante il porto e la città fossero stati fortificati da Filippo II, fu saccheggiata nel 1585 dal pirata inglese Drake. Durante la rivolta “cantonale” del 1873 venne bombardata e semidistrutta. Nella guerra civile del 1936 fu base della flotta repubblicana e solo il 31 marzo 1939 cadde nelle mani dei franchisti, dopo però che la flotta ne era salpata per andare a consegnarsi ai Francesi, a Biserta. § Ricca di resti del passato fenicio, come la Muraglia punica, e di testimonianze medievali, ospita un Museo archeologico di un certo pregio, e un Museo di archeologia marittima ricco di reperti interessanti. È sede del Cartagena Jazz Festival e del Festival La Mar, rassegna musicale internazionale di cui è protagonista ogni anno una diversa nazione.