Questo sito contribuisce alla audience di

Casati, Alessandro

conte, letterato e politico italiano (Milano 1881-Arcore, Milano, 1955). Fondatore della rivista modernista e, dopo la condanna di Pio X, collaboratore della di Benedetto Croce, fu interventista nel 1915-18. Senatore nel 1923 e ministro della Pubblica Istruzione nel gabinetto costituito da Mussolini dopo il delitto Matteotti (1924), all'inizio del 1925 si dimise e il 16 giugno fu tra coloro che ricostituirono il Partito liberale. Nel 1943 contribuì a preparare il colpo di Stato del 25 luglio. Membro del comitato che ai primi di settembre del 1943 costituì il Comitato di Liberazione nazionale e ministro della Guerra (1944-45), fu deputato alla Costituente e senatore di diritto (1948-53).