Questo sito contribuisce alla audience di

Casati, Gàbrio

uomo politico italiano (Milano 1798-1873). Podestà di Milano dal 1837 al 1848, fu tra i protagonisti delle Cinque Giornate (18-22 marzo 1848) e capo del governo provvisorio costituitosi subito dopo. Favorevole alla fusione della Lombardia con il Piemonte, fu nominato da Carlo Alberto presidente del Consiglio alla caduta del governo Balbo (luglio 1848), ma si dimise subito a causa dell'armistizio di Salasco (agosto 1848). Senatore (1853) e ministro della Pubblica Istruzione (1859-60), elaborò la legge che, nonostante i suoi difetti (autoritarismo, accentramento burocratico, dualismo tra studi classici e tecnici), fu alla base dell'ordinamento scolastico italiano fino alla riforma Gentile (1923).