Questo sito contribuisce alla audience di

Cassandra (mitologia)

mitica figlia di Priamo, re di Troia, poco più che citata nell'Iliade come bellissima. Più tardi appare quale profetessa, che però Apollo, poiché non gli cedette, condannò a non essere creduta da nessuno. Toccò come prigioniera ad Agamennone e con lui fu fatta uccidere a Micene, per gelosia, da Clitennestra. La grande scena è nell'Agamennone di Eschilo; dopo Eschilo ne trattarono, nelle Troiane, Euripide e, nell'Alessandra, Licofrone; in Virgilio (II libro dell'Eneide) essa cerca invano d'impedire l'ingresso del cavallo di legno a Troia. Il personaggio è dei più patetici e tristi (anche Aiace Oileo le avrebbe usato violenza la notte della presa di Troia); la durezza in lei si accompagna alla follia. § Per antonomasia, individuo che, sempre immerso in un cupo pessimismo, si compiace di pronosticare eventi luttuosi, sciagure, catastrofi, senza che alcuno l'ascolti.