Questo sito contribuisce alla audience di

Cassino, battaglie di-

scontri che coinvolsero Cassino durante la seconda guerra mondiale. La città, importante posizione strategica che consentiva di sbarrare la bassa valle del Liri percorsa dalla via Casilina, fu teatro di violentissimi e ripetuti scontri tra le truppe alleate in risalita nella penisola e i Tedeschi impegnati sulla linea Gustav a contrastarne l'avanzata verso Roma "Per le battaglie di Cassino vedi la cartina storica a pg. 8 del 6° volume." . La prima battaglia si svolse dal 20 al 31 gennaio 1944 in concomitanza con lo sbarco anglo-americano di Anzio (22 gennaio) e si concluse con un nulla di fatto per gli Alleati, che furono costretti a mantenere le posizioni di partenza. Il 10 febbraio fu quindi ripresa l'offensiva. L'abbazia di Montecassino, erroneamente creduta occupata dai Tedeschi, venne distrutta da un bombardamento aereo. I paracadutisti della 1a divisione tedesca ne occuparono prontamente le macerie e respinsero gli attacchi delle truppe neozelandesi del generale Freyberg. La successiva battaglia del 17 e 18 febbraio terminò con un netto insuccesso alleato. Le operazioni iniziarono di nuovo il 15 marzo e dopo due giorni di lotta la città fu quasi completamente occupata dalle truppe neozelandesi, ma l'abbazia non poté essere investita e la linea difensiva tedesca resistette. Il 23 marzo furono perciò sospesi gli attacchi che ripresero nella notte dell'11 maggio con un'intensa preparazione d'artiglieria. La resistenza dei Tedeschi venne infine superata da un attacco generale condotto dal XIII corpo britannico, dal II corpo canadese e dal II corpo polacco (notte tra il 17 e il 18 maggio): la via verso Roma era così aperta. Il 25 le truppe provenienti da Cassino si incontrarono infatti presso Littoria con quelle sbarcate ad Anzio e il 4 giugno entrarono in Roma. "Per le battaglie di Cassino vedi cartina storica al lemma del 5° volume."

Media

Battaglia di Cassino.