Questo sito contribuisce alla audience di

Castèl Volturno

comune in provincia di Caserta (36 km), 3 m s.m., 72,23 km², 18.639 ab. (castellani), patrono: san Castrese (11 febbraio).

Cittadina della Terra di Lavoro, situata sul litorale alla sinistra del fiume Volturno. Sorge presso il luogo dell'antica Volturnum, acquartieramento dell'esercito romano durante l'assedio di Capua (211 a. C.). Colonia romana nel 194 a. C., fu distrutta dai Saraceni nel sec. XI. In seguito condivise le vicende di Capua. Nell'ottobre 1860 fu teatro della battaglia del Volturno che segnò la definitiva sconfitta borbonica da parte dei garibaldini. § La chiesa dell'Annunziata (sec. XVI, più volte rimaneggiata) è d'impianto settecentesco e custodisce una tavola del sec. XV (Annunciazione). Presso il mare è un'antica torre di avvistamento rifatta più volte a partire dal sec. XV. § Risorse principali sono l'agricoltura (cereali, foraggi, ortaggi, frutta, barbabietole, tabacco) e l'allevamento bovino e bufalino, con produzione di mozzarella di bufala DOP; si pratica la pesca. La piccola industria è presente nei settori calzaturiero, edile e della lavorazione del legno. Una certa importanza ha il turismo balneare.