Questo sito contribuisce alla audience di

Castèll'Azzara

comune in provincia di Grosseto (93 km), 820 m s.m., 64,72 km², 1826 ab. (castellazzaresi), patrono: san Nicola (6 dicembre).

Centro situato sul fianco sudorientale del monte Civitella, in posizione dominante la valle del torrente Siele. Insediamento umbro ed etrusco (vi si estraeva il cinabro), secondo la leggenda nel sec. XI fu messo in palio in una partita “a zara” (dadi) da membri della famiglia degli Aldobrandeschi (di qui il nome di “Castello a zara”). Nel Medioevo appartenne alla famiglia Baschi che nel 1475 si pose sotto la protezione della Repubblica senese. Fino al 1915 il territorio fece parte del Comune di Santa_Fiora. La duecentesca rocca Silvana e il castello sforzesco del 1576 conservano poco delle forme originarie. L'agricoltura produce cereali, uva da vino e frutta. § L'attività secondaria è sviluppata nei settori dell'abbigliamento, della lavorazione del legno, della plastica e dei metalli. Vivace il flusso turistico estivo.