Questo sito contribuisce alla audience di

Castèlli, maiòlica di-

nome sotto il quale viene classificato tutto il vasellame prodotto a Castelli (a partire dal sec. XVI) e nelle manifatture della zona tra Teramo e Bussi fra il sec. XVII e il XVIII. La fama della maiolica di Castelli si deve alle eccellenti opere di Antonio Lolli, dei Gentili e dei Grue, che ripresero lo stile “compendiario” faentino e l'“istoriato” urbinate. Nel sec. XVIII Gesualdo Fuina si dedicò alla tecnica a piccolo fuoco con la quale elaborò piacevoli esemplari decorati a delicatimotivi ornamentali o a mazzi di fiori. Dopo il 1750 la qualità della produzione incominciò a decadere.