Questo sito contribuisce alla audience di

Castagnòle Monferrato

comune in provincia di Asti (14 km), 232 m s.m., 17,26 km², 1234 ab. (castagnolesi), patrono: sant’ Anna (primo lunedì di agosto).

Centro del Basso Monferrato nella zona collinare tra i torrenti Gaminella e Tagliamento, affluenti del fiume Tanaro. Noto anticamente come Costaneolis, fece parte del comitato di Asti; nel 1164, per volere di Federico Barbarossa, passò sotto la giurisdizione dei marchesi del Monferrato a cui rimase, salvo brevi interruzioni, fino alla metà del sec. XIV. Fu poi feudo di diverse famiglie, tra cui i Malaspina e i Gonzaga (1606). Di struttura barocca sono la chiesa dell'Annunziata e la parrocchiale di San Martino; quest'ultima, costruita nel sec. XVIII, conserva tele del Moncalvo e una Ultima Cena lignea. § Sono rilevanti la coltivazione della vite, dei cereali e l'allevamento. L'industria è presente nei settori edile e della lavorazione del legno.