Questo sito contribuisce alla audience di

Castiglióne del Lago

comune in provincia di Perugia (46 km), 304 m s.m., 205,54 km², 14.230 ab. (castiglionesi), patrono: santa Maria Maddalena (22 luglio).

Centro posto sulla sponda occidentale del lago Trasimeno; nel territorio comunale è compresa l'isola Polvese. Località già abitata nel Paleolitico, fu poi insediamento etrusco collegato con la vicina Chiusi e comune in età romana. Fu sempre luogo munito e conteso e la sua rocca venne più volte smantellata. Ottone III lo cedette a Ugo marchese di Toscana; nel 1091 fu distrutto da Enrico IV. Nel sec. XII passò ai perugini e fu poi disputato tra Cortona, Orvieto e Arezzo. Passato alla Chiesa con la fine della signoria dei Baglioni, papa Giulio III lo eresse a marchesato concedendolo alla famiglia Della Corgna, che lo tenne fino al 1616, quando tornò alla Chiesa. § Nel nucleo centrale è il Palazzo Ducale (o Della Corgna), del sec. XVI, una piccola reggia rinascimentale sviluppatasi intorno a una casa-torre. Di notevole interesse sono la Rocca del Leone, grande esempio di architettura militare, la cinta muraria del sec. XIII con tre porte, la chiesa di san Domenico con soffitto ligneo, il palazzo dei Capitani del popolo. § Oltre all'agricoltura (vino, olio e miele) e alla pesca, il quadro economico comprende l'industria dell'abbigliamento, alimentare, meccanica, e l'artigianato del rame e del legno. È il centro più importante del Trasimeno, con un notevole afflusso turistico animato da avvenimenti sportivi e culturali. § Vi si svolge tra la fine di aprile e gli inizi di maggio l'incontro internazionale “Coloriamo i cieli”, la più nota manifestazione italiana di aquiloni.