Questo sito contribuisce alla audience di

Castro, Rosalía de-

poetessa e narratrice spagnola (Santiago de Compostela 1837-Padrón 1885). Figlia illegittima, ebbe vita oscura e tormentata. Nel 1858 sposò lo scrittore M. Murguía, col quale soggiornò spesso a Madrid, restando però sempre legata alla regione natia, della cui anima celtica, brumosa e malinconica, fu la più squisita interprete moderna. La maggior parte dell'opera della Castro è rappresentata da una serie di narrazioni, in castigliano, di taglio e gusto ancora romantici: La figlia del mare (1859), Flavio (1861), Ruinas (1866), Il cavaliere dagli stivali azzurri (1867), Il primo pazzo (1881). Ma la sua fama è legata soprattutto a tre volumi di poesia, due dei quali in lingua galiziana (Cantares gallegos, 1863, e Follas novas, 1880) e il terzo in castigliano (En las orillas del Sar, 1884), che fanno della Castro la voce più alta della poesia spagnola del secondo Ottocento, assieme a Bécquer.

Collegamenti