Questo sito contribuisce alla audience di

Catenanuòva

comune in provincia di Enna (45 km), 170 m s.m., 11,17 km², 4876 ab. (catenanuovesi), patrono: san Prospero (ultima domenica di settembre).

Centro della media valle del fiume Dittaino, alla cui sinistra l'abitato si allunga perpendicolarmente. Fu fondato con pianta regolare nel 1754 dal nobile Andrea Riggio. § Nel borgo, oltre a palazzetti signorili del sec. XIX, si conservano il Palazzo del Feudatario e la chiesa madre (entrambi del sec. XVII). Nei dintorni si trova la Masseria Cuba, un tempo locanda, dove una lapide ricorda che vi sostarono Wolfgang Goethe e Vittorio Amedeo II di Savoia. § La risorsa economica principale è rappresentata dall'agricoltura, che produce cereali (grano, avena, orzo e riso), olive, agrumi e ortaggi, questi ultimi destinati soprattutto al mercato di Catania. Sono attive alcune imprese edili. § A giugno si tiene un'importante Sagra del Grano.