Questo sito contribuisce alla audience di

Caterina da Gènova

santa (Genova ca. 1447-1510). Figlia di Giacomo Fieschi, fin da fanciulla manifestò tendenze misticheggianti, ma fu costretta, per ragioni familiari, a sposare Giuliano Adorno, considerato uomo violento e libero di costumi. Per qualche tempo Caterina condusse vita mondana, ma si convertì e si diede a vita di penitenza e di preghiera. Si adoperò soprattutto negli ospedali. Ebbe visioni di cui lasciò testimonianza nelle sue opere mistiche: Trattato del Purgatorio e Dialogo tra anima, corpo, amor proprio, spirito, umanità e Dio.Fu canonizzata nel 1737. Festa il 22 marzo.