Questo sito contribuisce alla audience di

Cavallino, Bernardo

pittore italiano (Napoli 1616-ca. 1656). Punto fermo per ricostruire la formazione e gli sviluppi artistici di questo pittore rimane il suo dipinto, firmato e datato 1645, Santa Cecilia (Firenze, Palazzo Vecchio), che costituisce il momento più alto della sua opera. La sua pittura nonostante le influenze di Tiziano, Rubens, Caravaggio, fino a quella dei caravaggeschi napoletani (Negazione e liberazione di Pietro, Napoli, chiesa dei Gerolomini) evidenzia caratteri stilistici personalissimi nel raffinato impianto compositivo e nella liricità che il colore assume nella resa delle luci. Opere dell'artista sono raccolte nel Museo Nazionale di Capodimonte (bozzetti di Santa Cecilia, Giuditta, Cantatrice); alla National Gallery di Londra (Gesù che scaccia i mercanti); agli Uffizi di Firenze (Ester e Assuero); alla Pinacoteca di Brera a Milano (Immacolata).