Questo sito contribuisce alla audience di

Celènza sul Trigno

comune in provincia di Chieti (118 km), 646 m s.m., 22,60 km², 1098 ab. (celenzani), patrono: san Donato (7 agosto).

Centro posto su un'altura, sulla sinistra del fiume Trigno. Sorto in un'area popolata già in età romana, come documentano i reperti archeologici rinvenuti nel territorio, è citato nel Trecento con i nomi di Celentia o Celencia. Nel 1451 entrò a far parte del feudo di Monteferrante, posseduto dai Caracciolo fino al 1707. In seguito passò ai D'Avalos-Pignatelli, quindi di nuovo ai Caracciolo.La parrocchiale, fronteggiata da una massiccia torre campanaria del tardo Settecento, custodisce la tomba dei principi D'Avalos-Pignatelli (sec. XVIII).§ Le principali risorse economiche sono l'agricoltura (vite, olivo, patate e cereali), l'allevamento (ovini, suini ed equini) e il turismo di villeggiatura estiva.

Media


Non sono presenti media correlati