Questo sito contribuisce alla audience di

Chamberlin, Edward Hastings

economista statunitense (La Conner, Washington, 1899-Cambridge, Massachusetts, 1967). Professore a Harvard, ha legato il suo nome alla teoria della concorrenza monopolistica descritta nel suo libro The Theory of Monopolistic Competition (1933); secondo Chamberlin, la presenza di un vasto numero di imprese che producono beni differenziati comporta l'attribuzione a esse di un certo potere monopolistico. È famoso il dibattito che egli ebbe con l'economista inglese J. Robinson nel corso degli anni Trenta sulla questione: la Robinson, infatti, aveva elaborato una teoria, detta della concorrenza imperfetta, che giungeva a conclusioni simili a quella di Chamberlin, ma partiva dal presupposto che esistessero poche imprese che producevano un bene omogeneo. Mentre dunque in Chamberlin è la differenziazione del prodotto ad attribuire alle imprese un certo potere di monopolio, in Robinson è la relativa scarsità delle imprese.