Questo sito contribuisce alla audience di

Chamisso, Adalbert von-

scrittore tedesco (castello di Boncourt, Champagne, 1781-Berlino 1838). Figlio di nobili francesi sfuggiti alla Rivoluzione, crebbe a Berlino, dove entrò nell'esercito prussiano. Fu amico di A. W. Schlegel, di L. Uhland e di E. T. A. Hoffmann e conobbe Mme de Staël. Nel triennio 1815-18 compì con una spedizione scientifica russa la circumnavigazione del globo. Al ritorno assunse la direzione del giardino botanico di Berlino. Cattolico ma anticlericale, interprete dei fermenti liberali precedenti il '48 e del clima di trapasso fra romanticismo e Biedermeier, Chamisso si accosta col suo famosissimo romanzo Peter Schlemihls wundersame Geschichte (1814; Storia meravigliosa di Peter Schlemihl) al primo realismo ottocentesco. In un linguaggio piano e limpido, Chamisso adombra nell'avventura del piccolo borghese la propria condizione di sradicato e la risolve in chiave morale, allontanandosi dai più pretti moduli romantici. Al gusto romantico, anche al più greve, appartengono invece ancora le sue fiabe e i suoi racconti in versi. Popolari e interessanti sono le ballate a sfondo sociale, in cui influssi di Béranger e dello Sturm und Drang, in particolare di Bürger, si fondono in un'aura ora spettrale ora satirica fino al buffonesco. Importanza letteraria e scientifica ha anche il resoconto del viaggio intorno al mondo uscito nel 1821, nel quale descrisse per primo la metagenesi alternante nella Salpa.