Questo sito contribuisce alla audience di

Charta 77

movimento di opposizione cecoslovacco che prende il nome dal Manifesto reso noto nel gennaio 1977 con il quale si chiedeva al governo l'applicazione degli accordi firmati nell'Atto finale di Helsinki sul rispetto dei diritti umani. Animato da un folto numero di intellettuali, il movimento si è riferito principalmente alla figura e all'opera del pensatore ceco Jan Patočka, morto nel marzo 1977 durante un interrogatorio di polizia. Caratteristica di Charta 77 è stata l'azione morale e culturale, prima che politica, che poneva al centro delle sue rivendicazioni il rispetto dei diritti umani, ma ha dovuto comunque subire una durissima repressione. Il 19 novembre 1989, insieme ad altri gruppi dissidenti, Charta 77 ha dato vita al Forum civico, l'organizzazione che ha guidato le successive manifestazioni dell'opposizione fino allo sgretolamento del potere comunista e alla vittoria nelle elezioni per il rinnovo dell'Assemblea federale (1990). Charta 77 si è sciolto nel 1992 essendo ormai venuti meno i motivi che ne avevano portato alla costituzione, ma la scelta è stata anche conseguenza del processo di risoluzione della federazione cecoslovacca in due Stati diversi: Repubblica Ceca e Repubblica Slovacca (1992).