Questo sito contribuisce alla audience di

Chièsa, Eugènio

uomo politico italiano (Milano 1863-Giverny 1930). Convinto repubblicano, dopo i moti del 1898 esulò dapprima a Lugano e poi a Parigi. Deputato dal 1904 al 1926, fu tra i più decisi avversari dell'impresa libica (1911), ma allo scoppio della guerra mondiale si fece promotore dei comitati “pro-intervento”. Favorevole a D'Annunzio durante l'impresa fiumana, lottò poi aspramente contro il fascismo prendendo decisa posizione al tempo del delitto Matteotti e partecipando all'Aventino. Costretto a esulare, si recò in Svizzera e poi in Francia.