Questo sito contribuisce alla audience di

Chiang Ching-kuo

politico cinese (Chekiang 1910-Taipei, Taiwan, 1988). Figlio di Chiang Kai-shek, compì gli studi in Unione Sovietica, presso l'Istituto di scienze politiche di Leningrado. Tornato in patria, nel 1949, dopo che i comunisti ebbero ottenuto il controllo della Cina continentale, fuggì col padre a Formosa (Taiwan). Eletto nel Comitato centrale del Kuomintang nel 1952, fu ministro della Difesa nazionale dal 1965 al 1969 e, dopo la morte del padre, fu nominato presidente del Kuomintang nel 1975. Eletto alla carica di presidente della Repubblica nel 1978, e riconfermato nel 1984, sostenne vaste riforme sociali ed economiche; abolì la legge marziale restaurando la libertà di parola e di stampa e permettendo la formazione di partiti politici dell'opposizione. Incoraggiò i rapporti con la Cina e trasformò Taiwan in una potenza economica.

Media


Non sono presenti media correlati