Questo sito contribuisce alla audience di

Cioran, Émile Michel

filosofo e scrittore romeno (Rasinari 1911-Parigi 1995). Pensatore aforistico e paradossale, assertore di un nichilismo assoluto, incline alla suggestione delle filosofie orientali, Cioran, è sicuramente una delle figure di maggior spicco della cultura del Novecento. I suoi libri hanno avuto una larga fortuna, anche in Italia, testimoniando l'itinerario di un “pensiero tormentato” e, al tempo stesso, impietosamente lucido attraverso i problemi che, nel presente, gravano sull'uomo. Tra le prime opere scritte in romeno sono da ricordare Pe culmile disperarii (1933; Al culmine della disperazione), cruda rappresentazione del "male di vivere", Cartea amagirilor (1936; Il libro delle lusinghe), Schimbarea la fata a Romaniei (1937; La trasfigurazione della Romania) e Lacrimi si sfinti (1937; Lacrime e santi), opera nella quale si scorge, dietro la violenza nichilista, un'inclinazione verso la filosofia dei mistici. Nel 1937 si trasferì a Parigi. La prima opera di Cioran in francese, Précis de décomposition (1949; Esercizi di decomposizione), segna il passaggio dai furori giovanili ad un più composto, ma sempre angoscioso e assoluto pessimismo. Anche gli aforismi contenuti in Syllogismes de l'amertume (1952; Sillogismi dell'amarezza) percorrono un itinerario di scetticismo rispetto a qualunque sistema di idee e di valori. Dopo La tentation d'exister (1956; La tentazione di esistere), Cioran pubblicò Histoire et utopie (1960; Storia e utopia), "demolizione" del mito dell'"età dell'oro" e delle "incarnazioni" politiche dell'idea di libertà e di stato. Tra le opere successive sono da menzionare La chute dans le temps (1964; trad. it. La caduta nel tempo), Le mauvais démiurge (1969; trad. it. Il funesto demiurgo), De l'inconvénient d'être né (1973; L'inconveniente di essere nati), Ecartèlament (1979; Squartamento), con riferimenti alle dottrine gnostiche e alle filosofie orientali, Exercises d'admiration (1986; Esercizi di ammirazione), raccolta di saggi su scrittori e filosofi e Aveux et anathèms (1987; Confessioni ed anatemi).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti