Questo sito contribuisce alla audience di

Città del Capo

Guarda l'indice

(ingl., Cape Town; afrikaans, Kaapstad.). Capitale legislativa del Sudafrica e capoluogo della provincia del Capo Occidentale, 433.688 ab. (2011), la municipalità urbana 3.740.026 ab. (2011).

Generalità

Situata sulla penisola del Capo, si affaccia alla Table Bay (oceano Atlantico), ai piedi della caratteristica Montagna della Tavola (Table Mountain). Il centro della città, denominato City Bowl, si trova in una depressione in mezzo a numerosi rilievi, e si presenta come un crogiuolo di edifici di stili ed epoche diverse, in cui alle influenze coloniali olandesi si sono sovrapposti moderni grattacieli e centri commerciali. Città del Capo è una delle città sudafricane che ha ospitato la diciannovesima edizione del Campionato Mondiale di Calcio 2010. La città è sede di vari istituti superiori e di tre università: la University of Cape Town (1829), la University of the Western Cape (1959) e la Cape Peninsula University of Technology (2005).

Urbanistica

Il nucleo storico della città contava 20.000 ab. nel 1840, quando fu istituita la municipalità, divisa in 12 distretti. Da questo nucleo originario l'abitato si è ampiamente espanso, ramificandosi intorno all'altura, con diramazioni a SW, lungo la costa, a E, in corrispondenza delle maggiori arterie del traffico stradale e ferroviario, e a S, sino alla False Bay. La costruzione della ferrovia, iniziata nel 1859, e di alcune arterie stradali, insieme allo sviluppo delle attrezzature portuali, avviò subito il processo di crescita, che nel 1881 diede luogo alla formazione di altre unità amministrative autonome nella corona periferica. Solo nel 1913 avvenne la riunificazione della Greater Cape Town, con circa 135.000 ab., e da allora le nuove funzioni politiche ed economiche determinarono un incremento demografico accelerato: 335.000 ab. nel 1936 e 508.000 (807.000 nell'intera conurbazione) nel 1960. La composizione etnica della popolazione vede una prevalenza di coloureds (60%) e di bianchi (30%), per i quali la città ha sempre costituito un forte simbolo di identità storica e culturale; al contrario, la minoranza bantu (10%) è stata relegata, per la politica razziale, in quartieri-ghetto ubicati al margine. Problemi urbanistici sono derivati però, negli anni Settanta, anche dalle misure di segregazione nei confronti dei sanguemisti, costretti ad abbandonare aree centrali destinate ai bianchi, con una conseguente scarsità dell'offerta abitativa nella cintura suburbana.

Storia

Fondata nel 1652 da J. van Riebeeck come stazione di rifornimento per la Compagnia olandese dell'India Orientale sulla rotta verso l'India, nel 1795 fu occupata dall'Inghilterra, allo scopo di fonteggiare i tentativi di conquista avanzati dai francesi. Restituita all'Olanda col Trattato di Amiens (1802), fu rioccupata definitivamente dagli inglesi nel 1806; nel 1836 ottenne i diritti comunali. Nel 1910, creata l'Unione Sudafricana, Città del Capo divenne il capoluogo della provincia del Capo e la sede del Parlamento dell'Unione (poi Repubblica Sudafricana).

Arte

Tra i principali monumenti si annovera il Castle of Good Hope (costruito tra il 1666 e il 1679), uno dei più antichi edifici europei dell'Africa meridionale, già sede dei governatori olandesi. La città è sede di numerosi musei, tra cui il Museo Sudafricano (le cui sezioni dedicate alle culture indigene comprendono alcune ricostruzioni realistiche delle comunità boscimane), l'Iziko Bo-Kaap Museum e il Gold of Africa Museum, dedicato all'oreficeria africana, della Galleria Nazionale e di numerose biblioteche. Famoso è anche il Kirtenbosch Botanic Gardens, giardino botanico nel quale crescono circa 9000 delle 22.000 specie vegetali presenti nell'Africa meridionale.

Economia

Città del Capo è il maggiore centro commerciale del Paese, sede di stabilimenti meccanici (montaggio di automobili, materiale ferroviario), cantieristici, chimici, petrolchimici, alimentari, tessili, dell'abbigliamento. La città è dotata di uno dei principali porti africani (con un traffico annuo di 5.100.000 t di merci), importante scalo sulle rotte per l'Australia, e attivo centro peschereccio. È inoltre il punto terminale della rete stradale e ferroviaria del Paese. Rilevante è anche il traffico aereo, che fa capo all'Aeroporto Internazionale di Cape Town.

Media

Città del Capo.Città del Capo.