Questo sito contribuisce alla audience di

Clinton, William Jefferson (Bill)

uomo politico statunitense (Hope, Arkansas 1946). Laureato all'università di Yale nel 1973, è entrato nel partito Democratico e nel 1979 diventa governatore dell'Arkansas dal 1979. Clinton si rendeva interprete delle speranze della cultura liberal americana stanca degli anni del reaganismo e della politica di superpotenza che aveva caratterizzato la presidenza Bush. Vinte le primarie democratiche, Clinton impostava tutta la campagna elettorale sui problemi della politica interna, accentuando gli aspetti relativi alla ripresa dello sviluppo economico e alla difesa dei diritti civili e sociali. Eletto nel 1992 come 42° presidente degli Stati Uniti, Clinton dava mano al suo programma di riforme, ma l'azione veniva frenata da alcuni piccoli scandali che ne offuscavano l'immagine, e anche il fronte internazionale (Somalia, ex Iugoslavia) era avaro di soddisfazioni, se si esclude l'intervento a Haiti (1994) volto a ripristinare la democrazia in quel Paese. Le elezioni per il rinnovo parziale del congresso (1994), le significative consultazioni “di mezzo” che ogni presidente deve affrontare durante il suo mandato, si rivelavano una cartina di tornasole della crisi di credibilità di Clinton. Per la prima volta dopo molti anni i repubblicani riuscivano a conquistare la maggioranza del Congresso. La nuova situazione, con un'Assemblea legislativa ostile, costringeva Clinton ad alcune significative correzioni nel tentativo di non perdere definitivamente il contatto con la maggioranza dell'elettorato statunitense. Rieletto nel 1996, sconfiggendo il candidato repubblicano Bob Dole, veniva però coinvolto nel 1998, ancora una volta, in uno scandalo, il Sexgate, e in un procedimento di impeachment, con l'accusa di falsa testimonianza e di intralcio alla giustizia. Clinton evitava l'eventualità delle dimissioni grazie al confortante risultato conseguito dai democratici nelle elezioni di medio termine, preludio al voto di assoluzione del Senato del febbraio 1999. Nel 2007 ha appoggiato la candidatura di sua moglie Hillary Rodham Clinton alle presidenziali del 2008. Nel 2009 Clinton veniva nominato dall'ONU come inviato speciale ad Haiti. .

Media


Non sono presenti media correlati