Questo sito contribuisce alla audience di

Clitocybe

genere di Funghi della divisione Basidiomiceti (famiglia Tricholomataceae) al quale appartengono ca. 200 specie di funghi caratterizzati da gambo della stessa consistenza del cappello e sempre continuo con quest'ultimo, che è carnoso, più o meno depresso e sovente imbutiforme, con lamelle decorrenti. Alcune specie (Clitocybe cerussata, Clitocybe rivulosa, Clitocybe dealbata e Clitocybe candicans), con carpoforo bianco o biancastro anche nelle lamelle, contengono muscarina e sono pertanto tossiche (sindrome muscarinica). Diverse altre invece sono commestibili, alcune anche di buon pregio, come Clitocybe geotropa (agarico geotropo), dal colore gialliccio o nocciola chiaro, con cappello imbutiforme(raggiunge anche i 20 cm di diametro) e lamelle pure chiare, Clitocybe infundibuliformis (=Clitocybe gibba), il noto imbutino, simile ma più piccolo (fino a 10 cm) e Clitocybe maxima (agarico massimo), biancastro e più grande (fino a 40 cm). Caratteristico per il cappello piano color grigio topo più o meno chiaro è Clitocybe nebularis (agarico delle nebbie o agarico nebbioso), assai comune, che cresce abbondante nei boschi di latifoglie fino al tardo autunno ed è commestibile dopo lunga cottura o prebollitura (commestibilità condizionata). Questa specie ha dimensioni molto variabili, ma il cappello può raggiungere anche i 20 cm di diametro. Interessante è infine Clitocybe odora, più piccolo, di color verde-azzurro pallido, che ha carne con un tipico e inconfondibile odore di anice. Anch'esso è commestibile, ma in piccole quantità e nei misti di funghi.

Media

Clitocybe nebularis.