Questo sito contribuisce alla audience di

Clostridium

genere di Batteri appartenente alla famiglia Bacillacee, costituiti da cellule anaerobiche o microaerofile, a struttura bacillare, della lunghezza di 3-8 μ, spesso allargate in corrispondenza della spora; si riscontrano comunemente nell'apparato intestinale dell'uomo e degli animali e nel suolo. Comprende 93 specie: alcune di esse, non patogene, hanno importanza per la microbiologia industriale in quanto svolgono fermentazioni che permettono di ottenere sostanze utili, come per esempio Clostridium acetobutylicum, che forma acetone e alcol butilico da vari carboidrati. I Clostridium patogeni sono caratterizzati dalla capacità di produrre tossine potentissime. Vengono suddivisi in tre gruppi: agenti della gangrena gassosa (Clostridium perfringens, Clostridium novyi, Clostridium septicum, Clostridium histolyticum, ecc.), che infettano i tessuti traumatizzati o mortificati; Clostridium tetani (agente eziologico del tetano), che produce un'infezione localizzata insignificante, ma provoca una gravissima intossicazione generale per produzione di una tossina neurotropa; Clostridium botulinum (responsabile del botulismo), che è incapace di moltiplicarsi nell'organismo vivente, ma sintetizza esotossine attivissime in alcuni prodotti alimentari (conserve di varia natura), in grado di provocare un avvelenamento acuto dopo ingestione.

Media


Non sono presenti media correlati