Questo sito contribuisce alla audience di

Cluj-Napoca

Guarda l'indice

capoluogo del distretto di Cluj (Romania), 346 m s.m., 297.014 ab. (stima 2002).

Generalità

Situata in una regione collinare, su alcune terrazze sul fiume Somes Mic, ai piedi dei monti Apuseni, Cluj-Napoca è uno dei più importanti centri economici e culturali della Romania. Capitale storica della Transilvania, ha conservato nella parte più antica un piacevole aspetto tardo ottocentesco. È sede dell'università bilingue (romeno e ungherese) Babes-Bolyai, di musei, di un conservatorio musicale, di numerosi istituti superiori e di un giardino botanico. Aeroporto. Fino al 1974 si chiamò Cluj; il doppio nome venne imposto durante il periodo comunista per ricordare la presenza dell'antico municipium romano di Napoca. In ungherese, Kolozsvár; in tedesco, Klausenburg.

Storia

Eretta nel luogo della romana Napoca, divenne fortezza importante, lungo il Somes, agli inizi del sec. XV. Dominata dalla nobiltà ungherese, fu teatro nel sec. XVI della lotta tra cattolici e calvinisti ungheresi. Nel 1865 la dieta riunita a Cluj-Napoca decise l'annessione all'Ungheria della Transilvania, prima autonoma. Con il Trattato del Trianon (1920), Cluj-Napoca divenne romena. L'Arbitrato di Vienna (agosto 1940) la restituì all'Ungheria con la Transilvania settentrionale. Occupata dai Sovietici durante la II guerra mondiale, nel 1945 fu reintegrata alla Romania; la decisione venne sancita nella Pace di Parigi del 1947. Dopo la fine del regime comunista, la città ha conosciuto un periodo di forte tensione interetnica tra la popolazione rumena e la minoranza di lingua ungherese.

Arte

Cluj-Napoca conserva interessanti edifici antichi, tra cui la chiesa gotica di San Michele, quella riformata fatta erigere da Mattia Corvino (che qui ebbe i natali) e il barocco palazzo Banffy. A Cluj-Napoca furono fondati il primo giornale in ungherese (1791) e il primo teatro nazionale ungherese (1792).

Economia

È un attivo centro commerciale all'incrocio di importanti direttrici del traffico, oltre che con la capitale e con i principali centri del Paese, con l'Ungheria e la Serbia e Montenegro. Intensa è l'attività industriale, specie nei settori metallurgico, tessile, del tabacco e delle porcellane.

Curiosità

Il Giardino botanico di Cluj-Napoca è stato fondato nel 1820; comprende, oltre a sezioni economiche, tassonomiche e medicinali, uno splendido giardino giapponese con piante asiatiche disposte secondo uno dei più eleganti stili del periodo imperiale. Spettacolare la sezione Romana ambientata tra reperti archeologici dell'antica Napoca, tra i quali spicca una statua di Cerere, dea del raccolto, e in cui vengono coltivate piante ornamentali, fiori e ortaggi.

Media


Non sono presenti media correlati