Questo sito contribuisce alla audience di

Comòre (arcipelago)

arcipelago dell'Oceano Indiano, situato nel canale del Mozambico, fra la costa africana e l'isola di Madagascar. Comprende quattro isole principali (Njazidja oGrande Comore; Nzwani, o Anjouan; Mahoré, o Mayotte; Mwali, o Mohéli) e alcuni isolotti minori per complessivi 2236 km2 . A eccezione di Mayotte e degli isolotti vicini, costituiscono uno Stato indipendente. Parte emersa di alcuni edifici vulcanici, le isole sono composte da rocce vulcaniche effusive; la più elevata è Grande Comore, che culmina a 2361 m nel vulcano Kartala, attivo, il cui cratere centrale, situato in una caldera, è circondato da numerosi coni avventizi. La parte centrale dell'isola è un vasto altopiano che separa il Kartala dal massiccio vulcanico de La Grille, a N, le cui cime più elevate superano i 1000 m. Poco idonee all'agricoltura e in gran parte ricoperte da un fitto manto forestale (a eccezione di Mayotte), hanno una povera fauna endemica. Il clima è tropicale con una stagione secca (maggio-ottobre) e una piovosità annua variabile da 1000 a 2000 mm. Sono abitate in prevalenza da genti bantu più o meno arabizzate.

Media

Comore.