Questo sito contribuisce alla audience di

Connecticut (Stato)

Guarda l'indice

Stato federato degli USA nordorientali, 12.997 km², 3.504.809 ab. (stima 2006), 270 ab./km², capitale: Hartford. Confini: Massachusetts (N), Rhode Island (E), oceano Atlantico (S), New York (W).

Generalità

Stato federato nel New England. Il territorio, per lo più collinare, culmina a NW nel monte Frissel (725 m); la sezione centrale, corrispondente all'ampia (ca. 30 km) valle del fiume Connecticut, che attraversa lo Stato da N a S, è però pianeggiante. Altri fiumi importanti sono il Thames e l'Housatonic, mentre numerosi (ca. un migliaio) sono i laghi, tutti di origine glaciale. Il clima è di tipo continentale umido, con forti escursioni termiche e abbondanti precipitazioni (ca. 1100 mm annui); assai esteso è il manto forestale, che ricopre quasi i 2/3 del territorio. L'agricoltura (cereali, tabacco, patate, ortaggi e frutta) trova le condizioni più favorevoli nella pianura centrale; sviluppati sono anche l'allevamento (bovini, pollame), la pesca e l'estrazione di materiali da costruzione. Il Connecticut è però soprattutto uno dei più industrializzati Stati degli USA, benché debba importare buona parte delle materie prime: prevalgono le industrie meccaniche, con prodotti di alta specializzazione (motori per aeroplani, elicotteri, sottomarini nucleari, orologi, macchine per scrivere, ecc.), seguite da quelle metallurgiche, tessili, chimiche, dell'abbigliamento. Un'altra importante risorsa dello Stato è rappresentata dal terziario e, in particolare, dall'attività assicurativa: molte decine di grandi società del ramo hanno sede nel Connecticut. Importante è il turismo. Nel campo dell'istruzione, il Paese vanta una delle università più famose del mondo, quella di Yale (fondata nel 1701) . Tra le principali città, situate in prevalenza nella valle del Connecticut o nella fascia costiera, si annoverano oltre alla capitale, Bridgeport, New Haven, Stamford, Waterbury e New Britain.

Storia

L'inizio della colonizzazione risale al 1633 con l'arrivo di un nucleo di Olandesi, ai quali seguirono lo stesso anno e poi nel 1634-35 e dal 1638 Inglesi provenienti da New Plymouth e da altre colonie di puritani del Massachusetts. Nel 1662 divenne colonia autonoma, la cui amministrazione era regolata dai Fundamental Orders del 1639, che ne garantivano l'autogoverno e ne ribadivano la libertà religiosa. Sebbene il Connecticut fosse abitato quasi esclusivamente da puritani, l'appartenenza a questa confessione non era necessaria per ottenere la cittadinanza. Al momento della guerra di indipendenza fu, insieme alle altre colonie del New England, uno dei più decisi sostenitori della rivoluzione. Divenuto Stato fondatore dell'Unione prima della guerra di Secessione, sostenne poi, nel corso della guerra civile, la causa del primato del governo federale e dell'abolizionismo. Politicamente dominato dai repubblicani, nel corso dei sec. XIX e XX è stato impegnato in un vivace dibattito interno per il miglioramento del suo sistema governativo e giurisdizionale.