Questo sito contribuisce alla audience di

Conodontofòridi o Conodónti

sm. pl. [da cono+greco odús-ontos, dente+-foro]. Gruppo tassonomico di incerta posizione sistematica comprendente microfossili che non superano i 3 mm di lunghezza, presenti in abbondanza nelle rocce sedimentarie del Paleozoico e più raramente nel Mesozoico, alla fine del quale scompaiono. La loro diffusione e la grande varietà di forme che presentano fanno sì che questi resti organici possano venir utilizzati come fossili guida nella datazione di numerosi livelli stratigrafici. I Conodontoforidi sono formati da carbonato e fosfato di calcio e possono avere una struttura interna fibrosa (Conodontoforidi fibrosi, primitivi, piuttosto rari) o lamellare (Conodontoforidi lamellari, molto più abbondanti). La loro classificazione è ancora molto incerta: sono stati via via attribuiti a numerosi gruppi (Alghe, Vermi, Molluschi, Artropodi, Cordati). Nel 1976 Morris descrisse un antico organismo del Cambriano medio, a corpo molle, provvisto di conodontoforo. Nel 1983 è stato ritrovato, in terreni carboniferi presso Edimburgo, un piccolo animale a forma allungata che presenta posteriormente un apparato conodonte. Se la collocazione tassonomica di questo gruppo è estremamente incerta, ancora incerta è anche la funzione di queste piccole strutture calcaree. La maggior parte degli autori, tuttavia, concorda nell'interpretarle come strutture di masticazione piuttosto che come supporti interni.

Media


Non sono presenti media correlati