Questo sito contribuisce alla audience di

Coresi

diacono tipografo e traduttore romeno (sec. XVI). Tra il 1557 e il 1581 stampò a Tîrgoviste e a Brasov i libri di culto fondamentali, raccolte di preghiere e norme di diritto canonico non solo in slavone ma anche, e per la prima volta, in romeno. Queste traduzioni di testi, che tradiscono spesso un'origine luterana o calvinista, rappresentano in genere una rielaborazione di manoscritti transilvani anteriori. Su di essi Coresi intervenne per eliminare regionalismi che avrebbero reso la lingua di difficile comprensione ai Romeni delle altre regioni. Con la sua attività, Coresi contribuì così a porre le basi del romeno come lingua letteraria e aprì la via alla letteratura romena originale.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti