Questo sito contribuisce alla audience di

Corpus iuris canonici

complesso delle collezioni di norme canoniche, che furono in vigore dal sec. XIII al 18 maggio del 1918, costituendo la parte fondamentale del diritto generale (o comune) della Chiesa cattolica occidentale o latina. La formazione di tale complesso normativo durante il Medioevo avvenne gradualmente, nel corso di oltre un secolo e mezzo, a cominciare dal 1140 ca., e cioè dalla redazione, a opera di Graziano, di una raccolta intesa a superare, con sottile dialettica, le discordanze degli antichi testi in essa riuniti, e consistenti in canoni conciliari, lettere “decretali” pontificie e passi dei Padri della Chiesa aventi attinenza con la disciplina ecclesiastica. Tale opera, che Graziano chiamò Concordia discordantium canonum, e che poi fu detta correntemente Decretum Gratiani, non ebbe mai carattere di ufficialità, come tale, pur essendo riconosciuta l'autenticità dei testi raccoltivi. A tale prima compilazione, studiata e applicata come diritto ecclesiastico generale della cristianità occidentale, fu aggiunta nel 1234 una grande compilazione ufficiale di decretali pontificie, posteriori in gran parte al Decretum, voluta e attuata da Gregorio IX (Liber Extra o Decretales Gregorianae); seguì, nel 1298, il Liber Sextus di Bonifacio VIII, contenente la produzione giuridica pontificia posteriore al 1234; infine, nel 1317, furono pubblicate da Giovanni XXII le decretali di Clemente V (Clementinae Constitutiones). A queste si aggiunsero, a mo' di appendice, altre due compilazioni: Extravagantes Iohannis XXII ed Extravagantes communes. La denominazione di Corpus iuris canonici prese definitivamente piede nelle edizioni a stampa del sec. XVI, e particolarmente in quella uscita a Roma nel 1582 a opera dei Correctores romani. L'essere una norma inclusa nel Corpus (in corpore iuris clausa) la rendeva per ciò stesso diritto universale (ius commune) per l'Occidente, tale cioè da non abbisognare, a differenza dei diritti particolari (personali o territoriali), di essere provato da chi lo adduceva in tribunale.