Questo sito contribuisce alla audience di

Corydalis

genere di piante della famiglia Papaveracee al quale appartengono numerose specie di erbe perenni, bienni o annue, diffuse nelle regioni temperate d'Europa, Asia e America Settentrionale. Spesso munite di tuberi, hanno foglie divise in lacinie dentate e fiori irregolari riuniti in pannocchie; il frutto è una capsula con molti semi. In Italia vivono 7 specie, fra le quali sono comuni Corydalis solida (detta comunemente coridale) e Corydalis cava (fumosterno bulboso) , entrambe munite di un tubero grosso come una noce, compatto nella prima specie e cavo nella seconda, con poche radici. Hanno fusti gracili, eretti, alti fino a 30 cm, terminanti al pari dei rami con pannocchie dai fiori rosei, lillacini o bianchi, che fioriscono in primavera. Nei tuberi è presente una droga costituita da numerosi alcaloidi, tra cui i derivati fenantrenici bulbocapnina, corituberina, coridina, i composti a struttura isochinolinica coridalina, coribulbina, coripalmina, coricavidina. La droga fu usata in passato come narcotico, diuretico, nella terapia della sifilide e del morbo di Parkinson.

Media

Corydalis.