Questo sito contribuisce alla audience di

Cosènza, Luigi

ingegnere italiano (Napoli 1905-1984). Laureatosi a Napoli in ingegneria edile nel 1928, presto manifestò il suo impegno per il rinnovamento del gusto architettonico della sua città, come vediamo nelle sue prime opere: il mercato del pesce (Napoli, 1929-30), la villa Oro a Posillipo (1934-36), la villa Savarese (Napoli, 1936-42), in cui esplicita la sua formazione tecnica e l'adesione al linguaggio razionalista. Rilevante anche il suo impegno in campo urbanistico: del 1939 è infatti la stesura del piano regolatore di Napoli, mentre nel 1946 egli partecipò alla commissione di studio per un nuovo piano regolatore della città. Nel 1947 prende parte alla fondazione del Centro Studi per il quale costruirà fra il 1947 e il 1957 il rione sperimentale di Torre Ranieri a Posillipo. Contemporaneamente lavorava per l'Olivetti di Ivrea, progettando e realizzando lo stabilimento e il quartiere Olivetti a Pozzuoli (1951 e seg.). Nel 1965 ricevette l'incarico per l'ampliamento della Galleria d'Arte Moderna di Roma, ultimata alla fine degli anni Ottanta.

Media


Non sono presenti media correlati