Questo sito contribuisce alla audience di

Cotton, Aimé-Auguste

fisico francese (Bourg-en-Bresse 1869-Sèvres 1951), professore di fisica teorica e celeste e dal 1922 di fisica generale alla facoltà di scienze di Parigi; membro dell'Istituto di Francia dal 1923. Si occupò prevalentemente di ottica fisica; nel 1895 scoprì il dicroismo circolare circolare presentato da numerose soluzioni di sostanze otticamente attive (effetto ottico Cotton). Successivamente, in collaborazione con H. Mouton, osservò il dicroismo di soluzioni di sostanze naturalmente prive di attività ottica, poste sotto l'azione di campi magnetici intensi (effetto magneto-ottico Cotton-Mouton). Disegnò uno strumento atto a misurare l'integrità dei campi magnetici (bilancia di Cotton) e, sempre con Mouton, un dispositivo per l'osservazione di oggetti ultramicroscopici.

Dispositivo di misura "Il disegno della bilancia di Cotton è a pag. 365 del 7° volume." per determinare l'intensità della forza che si esercita su un elemento di filo rettilineo percorso da corrente elettrica continua e immerso in un campo magnetico. "Per la bilancia di Cotton vedi schema al lemma del 7° volume." Come nelle usuali bilance tecniche, si ricerca l'equilibrio dei momenti di due forze, una delle quali è la forza peso di masse p poste su un piattello e l'altra è l'azione elettrodinamica da misurare. Note la lunghezza, l, dell'elemento di filo e l'intensità, i, della corrente che lo percorre, dalla relazione F=ilB e dal valore del peso che determina l'equilibrio, si può anche ricavare il valore dell'induzione magnetica B con una precisione dello 0,1%.