Questo sito contribuisce alla audience di

Courbet, Gustave

pittore francese (Ornans, Franca Contea, 1819-La Tour-de-Peilz, Vaud, 1877). Insofferente degli insegnamenti accademici, Courbet, che si affermerà come uno dei più acuti artisti francesi del sec. XIX, cominciò a lavorare per proprio conto, studiando e ricopiando le opere dei grandi maestri del Louvre. Nel 1844 partecipò per la prima volta al Salon con l'autoritratto Courbet col cane nero (1842; Parigi, Petit Palais) e cominciò a definire la sua arte “realista” in contrasto coi neoclassici e i romantici . Nel 1847 l'autoritratto L'uomo con la pipa (Museo di Montpellier) venne rifiutato al Salon insieme ad altri suoi quadri. Cominciarono le polemiche sulla sua arte che, dovevano inasprirsi al Salon del 1850 dove espose, tra gli altri, i due famosi dipinti Spaccapietra (distrutto nella seconda guerra mondiale) e Un funerale a Ornans (Parigi, Musée d'Orsay). Nel 1855, poiché la giuria dell'Esposizione Universale rifiutò quest'ultima opera assieme al grande dipinto L'atelier del pittore (Parigi, Musée d'Orsay) , Courbet allestì una mostra di quaranta quadri in un edificio fatto costruire a sue spese, il “Pavillon du Réalisme”, in rue Montaigne, nei pressi dell'Esposizione. Il catalogo da lui redatto contiene il celebre Manifeste du Réalisme e le sue teorie sull'arte e, con l'esempio della sua pittura, contribuì all'affermazione del realismo, imponendolo all'ormai morente neoclassicismo. Nel 1870 Courbet venne eletto presidente della Commissione per la protezione delle opere d'arte. Dopo la caduta della Comune fu condannato a sei mesi di carcere perché accusato ingiustamente di aver partecipato alla distruzione della colonna Vendôme. "Per approfondire Vedi Gedea Arte vol. 8 pp 258-269" "Per approfondire Vedi Gedea Arte vol. 8 pp 258-269"

L. Aragon, L'exemple de Courbet, Parigi, 1952; P. Mac Orlan, Courbet, Parigi, 1953; A. Chamson, Gustave Courbet, Parigi, 1955; R. Fernier, R. Huyghe, Gustave Courbet, peintre de l'art vivant, Parigi, 1969; P. Courthion, L'opera completa di Courbet, Milano, 1985.

Media

Gustave Courbet.Gustave Courbet.