Questo sito contribuisce alla audience di

Crécchio

comune in provincia di Chieti (31 km), 209 m s.m., 19,36 km², 3052 ab. (crecchiesi), patrono: san Vincenzo (terza domenica di maggio).

Centro posto su un'altura presso la sponda destra del torrente Arielli. Abitato da genti presabelliche, come dimostrano i reperti archeologici, fu noto come Ocriculum ed ebbe una discreta importanza specialmente durante i sec. XIV-XV. Fu feudo della famiglia D'Ambrosio, dei principi di Marzano e infine dei De Riseis.§ Il castello medievale, semidistrutto durante la seconda guerra mondiale e in seguito restaurato (1970-71), è noto per aver ospitato il re Vittorio Emanuele III e il suo stato maggiore prima dell'imbarco a Ortona dopo la firma dell'armistizio (8 settembre 1943). Ospita il Museo dell'Abruzzo Bizantino e Alto Medievale, con pezzi di oreficeria gotica e longobarda, reperti bizantini (sec. VI-VII) e una collezione etrusca.§ La piccola industria opera nei settori metalmeccanico, delle tende da sole e dell'abbigliamento. Fiorente è la viticoltura; l'agricoltura produce inoltre olive, cereali, ortaggi, barbabietole da zucchero e frutta.

Media


Non sono presenti media correlati