Questo sito contribuisce alla audience di

Cróce, Giùlio Césare

scrittore italiano (San Giovanni in Persiceto 1550-Bologna 1609). È considerato il primo autore dialettale bolognese. Cantastorie e poeta estemporaneo, visse a Bologna facendo il fabbro. Scrisse moltissimo: raccontini, satire, recitativi scherzosi e patetici, un poema (La Topeide), una commedia stravagante sul tema della fame (Il banchetto de' Mal Cibati) e soprattutto la storia de Le sottilissime astuzie di Bertoldo e Le piacevoli simplicità di Bertoldino (pubblicata nel 1906; la Novella di Cacasenno, figlio di Bertoldino, è un'aggiunta più tarda, opera del bolognese Adriano Banchieri). Croce ricavò l'idea di Bertoldo da El dyalogo de Salomon e Marcolpho, operetta latina medievale.

Media


Non sono presenti media correlati