Questo sito contribuisce alla audience di

Cremóna (provincia)

Guarda l'indice

provincia della Lombardia, 1771 km², 355.947 ab. (stima 2007), 197 ab./km², capoluogo: Cremona. Comuni: 115. Sigla: CR.

Generalità

Si estende interamente nella bassa Pianura Padana, alla sinistra del Po, ed è delimitata rispettivamente a W e a E dai corsi dell'Adda (che qui riceve da sinistra il Serio) e dell'Oglio; confina con le province di Piacenza, Parma, Milano, Lodi, Brescia, Bergamo e Mantova.

Territorio

Il territorio provinciale, che si trova a valle della fascia delle risorgive, è attraversato da numerosi canali irrigui e di scolo, e si presta, dunque, alla pratica dell'agricoltura. Tutta la provincia è pianeggiante e ha le caratteristiche morfologiche tipiche della bassa Lombardia. La presenza di numerose rogge, canali e di quattro grandi fiumi (oltre ai tre già citati anche alcuni tratti del Po) fa crescere nei mesi autunnali il rischio alluvionale, soprattutto nella fascia meridionale della provincia. Nel territorio provinciale è stato istituito un alto numero di zone soggette a tutela naturalistico-ambientale, tra cui quattro parchi fluviali: il Parco Adda Sud, il Parco Oglio Nord, il Parco Oglio Sud e il Parco del Serio. Il clima è tipicamente continentale: le estati sono calde, gli inverni rigidi e assai nebbiosi, mentre le precipitazioni sono distribuite in modo irregolare, con una marcata prevalenza delle piogge nei mesi autunnali. I dati demografici sono in linea con il quadro regionale: crescita modesta, ma positiva e flusso migratorio, soprattutto dall'estero, sempre molto vivo. Anche il saldo naturale è in linea con i dati negativi rilevati a livello regionale. La distribuzione del reticolo insediativo ricorda da vicino quella delle altre due province (Lodi e Mantova) collocate nella stessa fascia della pianura lombarda: pochi centri di medie dimensioni e un elevato numero di piccoli agglomerati, frutto dell'antica vocazione agricola del territorio. La carenza di centri significativi sotto il profilo demografico è testimoniata dal peso del capoluogo, che raccoglie più di un quinto della popolazione totale. Le cittadine di maggiori dimensioni si localizzano lungo il corso dei fiumi che attraversano la pianura cremonese: Crema (fiume Serio), Soncino (fiume Oglio) e Rivolta d'Adda (fiume Adda). La provincia è attraversata per un breve tratto dall'autostrada A21 Torino-Piacenza-Brescia, ma le direttrici di traffico principali restano la SS 10, che conduce a Mantova, e la SS 415, detta Paullese, che collega la provincia a Milano.

Economia

Nonostante le favorevoli condizioni ambientali, l'agricoltura (che produce cereali, patate, barbabietole da zucchero, ma principalmente foraggi) va perdendo terreno rispetto all'industria e alle attività del settore terziario, sia riguardo al numero degli addetti sia riguardo alla percentuale del reddito prodotto: notevole importanza, invece, hanno conservato l'allevamento bovino da carne, con tendenza alla specializzazione, l'allevamento suino e quello avicolo, favoriti dalla grande disponibilità di foraggi e di cereali. Le attività industriali rappresentano ormai la maggiore fonte di reddito, ma sono strettamente legate al settore primario. Infatti, è dominante la produzione di macchine e strumenti per l'agricoltura e la trasformazione dei prodotti da essa ottenuti. In particolare, le industrie alimentari (talune di risonanza internazionale) vanno dal comparto caseario a quello dolciario, da quello della pasta a quello delle conserve e delle carni insaccate. Da segnalare, inoltre, i settori chimico, cartotecnico, dei laterizi, del legno, della gomma e della plastica. Rilevante è la produzione di giocattoli nel distretto di Canneto sull'Oglio, compreso anche nella provincia di Mantova.

Media


Non sono presenti media correlati