Questo sito contribuisce alla audience di

Cures Sabini

antico centro sabino localizzato nei pressi di Passo Corese, nel territorio comunale di Fara in Sabina (provincia di Rieti). Ricordato dalle fonti anche per aver dato i natali a Tito Tazio e a Numa Pompilio, la sua localizzazione si deve allo studioso francese De Chauppy (1769). § Alcuni scavi furono condotti nel sec. XIX, alla ricerca di statue e altri materiali preziosi provenienti dalla città romana impiantata nel sito dopo la conquista (290 a. C.). Dalla fine degli anni Settanta del sec. XX è oggetto di scavi stratigrafici da parte della Soprintendenza Archeologica per il Lazio. Il primo villaggio, situato sul colle compreso tra il torrente Corese e il fosso degli Arci, sebbene vi siano resti sporadici dell'Età del Bronzo recente è databile alla fine del sec. IX a. C. Già agli inizi del sec. VII a. C. l'area abitata si estendeva alle vicine alture di Santa Maria degli Arci e di Casino d'Arci, costituendo il più esteso centro protourbano della Sabina (ca. 25 ha). Il rinvenimento, a pochi km da , di un'iscrizione in lingua sudpicena conferma la teoria secondo cui la facies culturale sabina dell'età arcaica è imparentata con quella delle altre popolazioni italiche orientali.