Questo sito contribuisce alla audience di

Da Pónte, Lorènzo

(Emanuele Conegliano), scrittore italiano (Ceneda, oggi Vittorio Veneto, 1749-New York 1838). Prese nome e cognome dal vescovo di Ceneda che lo battezzò, allorché il padre, israelita, si convertì al cattolicesimo. Dopo gli studi in seminario, ordinato sacerdote, condusse vita avventurosa e dissipata. Toccò il suo momento di grazia quando, da Giuseppe II, venne nominato poeta dei teatri imperiali di Vienna. Fu poi a Londra e dopo il 1805 negli Stati Uniti, di volta in volta libraio, agente teatrale, droghiere, maestro d'italiano e infine professore al collegio colombiano. Tante vicende sono narrate con vivacità romanzesca nelle sue Memorie (1828-30), che felicemente rappresentano le brillanti doti dello scrittore. A Vienna compose i libretti per le musiche di Mozart delle Nozze di Figaro (1786), del Don Giovanni(1787) e di Così fan tutte (1790), oltre ad alcuni libretti per il maestro G. B. Martini. Essi rappresentano tuttora una insuperata fusione tra musica e testo e si ammirano per l'incisività libera ed efficace delle battute e la mirabile struttura teatrale dei concertati e dei finali d'atto.

Bibliografia

L. Collison Morley, Mozart's Librettist Lorenzo Da Ponte, Londra, 1926; A. Fritzlyon, The Libertine Librettist, Londra, 1955; E. Rescigno, Da Ponte, Milano, 1989.

Media


Non sono presenti media correlati