Questo sito contribuisce alla audience di

Dall'Óngaro, Francésco

letterato italiano (Mansuè 1808-Napoli 1873). Di umili origini, svestito l'abito talare, fu infaticabile agitatore mazziniano (ebbe da Mazzini l'incarico di direttore del Monitore Ufficiale). Combattente a Venezia (1848) e a Roma (1849), caduta la repubblica fu costretto a esulare. Rientrato in Italia, dopo il 1859 ebbe prima a Firenze poi a Napoli una cattedra di letteratura drammatica. Scrittore di vastissima attività, conseguì la sua maggior fama come autore di drammi, tipici del teatro popolare romantico (il fortunatissimo Fornaretto di Venezia, 1855; Bianca Capello; I Dalmati; Guglielmo Tell). Negli Stornelli italiani (1883) per quasi ogni mese, dal 1847 al 1861, mise in versi un avvenimento politico sul modello dei rispetti popolari toscani. Scrisse anche versi in dialetto veneziano.

Collegamenti