Questo sito contribuisce alla audience di

Dalla, Lùcio

cantautore italiano (Bologna 1943-Montreux, cantone di Vaud, Svizzera, 2012). Iniziò come clarinettista jazz e in seguito fece parte del gruppo dei Flippers. Nel corso della metà degli anni Sessanta iniziò a scrivere le prime canzoni, tra cui Occhi di ragazza portata al successo da G. Morandi. Nel 1971, si impose come cantautore con 4 marzo 1943, una delle canzoni più apprezzate dal pubblico. Tra i suoi maggiori successi, Piazza Grande (1972), Il gigante e la bambina (1971), Nuvolari (1976), Com'è profondo il mare (1977), L’anno che verrà (1979), Caruso (1987). Tra gli eventi più importanti della sua carriera figurò la fortunata tournée Banana Republic con F. De Gregori e Ron. Cantante dalla voce roca e dalla marcata intonazione soul, collaborò spesso con il poeta R. Roversi. Dopo la fortunata collaborazione con Morandi (1988), Dalla proseguì la sua carriera da solista con altri album di grande successo: Cambio (1990), il live Amen (1992), Canzoni (1996), nel quale è inclusa la canzone Ayrton, dedicata agli ultimi istanti della vita del pilota brasiliano di Formula 1 Ayrton Senna, Ciao (1999), Luna Matana (2001). Dalla inoltre compì alcune incursioni in territori musicali diversi da quello abitualmente battuto: infatti registrò con i Solisti Veneti la favola sinfonica Pierino e il lupo di S. Prokofev. Fu anche autore di colonne sonore di film e di programmi televisivi; nel 2002 condusse con S. Ferilli, La Bella e la Besthia, programma andato in onda sulla RAI, e nel 2003 si avvicinò all'opera con una rivisitazione in stile musical della Tosca di Puccini. Nello stesso anno pubblicò l'album Lucio. Nel 2006 curò la regia di Pierrot Lunaire del compositore A. Schönberg e di Arlecchino di F. Busoni. Negli ultimi anni, oltre a pubblicare altri album e a varie collaborazioni come produttore, sono da ricordare il ritorno in tournée con De Gregori (2010) e la sua ultima apparizione in televisione con il Festival di Sanremo del 2012, come direttore d'orchestra, per la canzone Nanì di Pierdavide Carone.

Media


Non sono presenti media correlati