Questo sito contribuisce alla audience di

Davies, Robertson

scrittore canadese (Ontario 1913-Orangeville 1995). Dopo gli esordi come autore e regista teatrale (aveva anche lavorato in gioventù all'Old Vic di Londra), era passato al giornalismo e infine alla narrativa. In una prima serie di romanzi, conosciuta come la “trilogia di Salterton” (Tempest-Toast, 1951; Leaven of Malice, 1954; A Mixture of Frailties, 1958), dal nome della cittadina universitaria in cui si svolgono le vicende narrate, Davies lancia, con l'ironia che lo ha sempre caratterizzato, un duro atto d'accusa contro la società canadese che preferisce uniformarsi alla vecchia mentalità della lontana madrepatria anziché dar luogo a una civiltà propria. Nella successiva “trilogia di Deptford”: Fifth Business, 1970 (1988; Il quinto incomodo); The Manticore, 1972; World of Wonders, 1975 (1991; Il mondo delle meraviglie) lo scrittore realizza opere che possono definirsi compiute commedie di costume, organizzate in una sapiente ideale autobiografia, pretesto per narrare la vita di quello che, per Davies, è il “nuovo” canadese. Questi romanzi lo hanno fatto conoscere come uno dei padri della letteratura canadese anglofona, procurando ampia notorietà non solo alle sue opere narrative The Rebel Angels (1981; Gli angeli ribelli), The Lyre of Orpheus (1988; La lira di Orfeo), The Cunning Man (1996; L'uomo astuto), ma anche alla sua attività di saggista e di poeta.

Media


Non sono presenti media correlati