Questo sito contribuisce alla audience di

Del Balzo

nobile famiglia italiana di origine provenzale (de Baux), venuta in Italia al seguito di Carlo d'Angiò. Bertrando (m. 1351), conte di Soleto, nel 1308 sposò Beatrice d'Angiò, figlia di Carlo II, che gli portò in dote la città di Andria. Bertrando fu vicario di re Roberto a Roma (1323), capitano generale in Toscana (1326), gran giustiziere e consigliere del re e di Giovanna I. Da lui discesero i Del Balzo duchi d'Andria. Francesco I, figlio di Bertrando, diventato potente con accorta politica matrimoniale, fu osteggiato da Giovanna I di Napoli e sconfitto. Il figlio Iacopo (m. 1384), ereditati i titoli di imperatore di Costantinopoli, principe d'Acaia, signore di Albania e despota di Romania, combatté contro Giovanna I; dal successore Carlo III ottenne Taranto e Corfù. Guglielmo, dopo l'estinzione del ramo dei conti d'Avellino, ricostituì l'unità dei possessi familiari. Francesco II appoggiò gli Aragonesi ed ebbe così da Alfonso nel 1464 il titolo di gran conestabile e una parte delle terre confiscate agli Orsini. Pirro, gran conestabile, figlio di Francesco, prese parte alla congiura dei baroni contro re Ferdinando (1485) e fu punito. Con lui terminò il ramo di Andria.

Media


Non sono presenti media correlati