Questo sito contribuisce alla audience di

Derby, Edward George Geoffrey Smith Stanley, 14º cónte di-

statista inglese (Knowsley, Lancashire, 1799-1869). Parlamentare whig dal 1822, favorevole a Canning, lo appoggiò nel ministero del 1827, accettando il sottosegretariato alle Colonie. Nel 1829 Derby votò per la legge sull'emancipazione cattolica, nel 1830 si mostrò favorevole alla riforma parlamentare. La questione della Chiesa d'Irlanda assorbì molte delle energie di Derby che nel 1830 era stato posto a capo del segretariato per l'Irlanda. Ministro delle Colonie nel 1833, portò avanti il progetto per l'abolizione della schiavitù divenuto legge nel 1833 ma entrato in vigore l'anno dopo, quando Derby, per divergenze politiche, diede le dimissioni che segnarono l'inizio del suo avvicinamento ai conservatori. Durante l'amministrazione Peel del 1841, fu segretario alle Colonie e nel 1844 passò ai Lords. L'accettazione da parte di Peel della legge sulla libertà di commercio (1844) allontanò Derby che assunse la leadership del gruppo protezionista sostenuto da lord Bentinck e B. Disraeli. Dal febbraio al luglio 1852 fu a capo di un governo che le elezioni generali, determinando la sconfitta dei conservatori, travolsero. All'opposizione fino al 1858, criticò la condotta governativa nella questione orientale (1854) e le condizioni della Pace di Parigi (1856). Caduto Palmerston, formò un secondo ministero (1858-59); nel 1866 formò l'ultimo ministero, che nel 1867 attuò la riforma elettorale. Nel 1868 diede le dimissioni.

Media


Non sono presenti media correlati